blog
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo

facebook
twitter
youtube
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
04/11/2019, 15:01



Con-Radioplayer-Worldwide-la-radio-non-è-mai-stata-così-viva!


 



Nata nel 2011 insieme all’emittente inglese BBC con l’obiettivo di promuovere l’ascolto della radio online, la partnership con Radioplayer Worldwide Ltd (società con sede a Londra attiva nel radio broadcasting) è arrivata a diffondere il suo web player in migliaia di stazioni radio in tutto il mondo, avere app per iOS e Android, integrazioni con Amazon Echo e Sonos e compatibilità con le più diffuse piattaforme quali Apple CarPlay, Android Auto, Chromecast, Airplay, Apple Watch, Android Wear e altre.
 
"Condividere la tecnologia e competere sui contenuti" è la filosofia dell’azienda che opera su tre aree strategiche:
  • applicazioni in auto;
  • dispositivi casalinghi;
  • app gestite direttamente dalle stesse emittenti radio.
 
Radioplayer Worldwide è, ora, giunto anche in Italia grazie alla PER (Player Editori Radio) che abbraccia la filosofia di accesso, tramite un unico strumento informatico, all’offerta delle radio italiane.
 
Primaonline.it ha raccolto le dichiarazioni a caldo di Lorenzo Suraci, neo-Presidente di PER, il quale dichiara entusiasticamente che Radioplayer Worldwide "...è un progetto strategico che prepariamo da tempo perché siamo convinti che la Radio sia una risorsa potente ma anche un patrimonio prezioso da difendere tutti insieme. Ed è un’operazione rivolta anzitutto all’ascoltatore che ci segue ogni giorno, e che potrà accedere all’immensa varietà della nostra offerta ovunque si trovi, con ogni strumento. Senza algoritmi, senza filtri, senza intromissioni, senza abbonamenti. Puntiamo a completare la nuova piattaforma comune in tempi brevi, perché la Radio è un bene comune e come tale vive e si sviluppa. Ancora una volta il mondo radiofonico si mostra in grado di fare sistema e di essere all’altezza della propria storia, una storia sempre contemporanea. Il che nulla toglie alla competizione, che continuerà ad animare il lavoro di ognuno di noi. Ma da oggi vogliamo dimostrare che se il grande mercato digitale è una sfida per la Radio, è nostra intenzione affrontarla e vincerla".


1
Create a website