blog
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo

facebook
twitter
youtube
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
10/06/2019, 23:36



La-sintassi-del-terrore---Le-strategie-di-comunicazione-dell’ISIS.


 La propaganda digitale del Califfato e i suoi meccanismi di reclutamento dei nuovi Revenant si stagliano su internet, in special modo sui canali telegram consustanziali alla cosiddetta jihad 2.0. Decine di nuovi martiri pronti a tutto per abbracciare



La propaganda digitale delCaliffato e i suoi meccanismi di reclutamento dei nuovi Revenant si stagliano su internet, in special modo sui canalitelegram consustanziali alla cosiddetta jihad 2.0. 
Decine di nuovi martiripronti a tutto per abbracciare lo Sham, la terra benedetta (Siria) ed uscire daquel tunnel di buio esistenziale chiamato "Dar al Kufr" (terra dei miscredenti)diretti alla luce degli Imam, l’Islam! 
La produzione mediatica dell’ISISè molto più vasta e sviluppata di quanto non si voglia far apparire: Bisognaprecisare che il Califfato ha una struttura organica divisa in dipartimenti tracui spicca al Ghuraba in special modo su Telegram, famosa app di messaggisticaistantanea, che vanta una crittografia end-to-end che è difficile o impossibileda penetrare per la National Security Agency. L’ideologia jihadista catechizza e recluta nuovi combattenti attraverso gruppi che si chiamano Nashir, Fursan Al-Raf eAl-Battar, al-Hayat Media Center e sebbene i canali siano pubblici, i titolaridi account possono creare chat private crittografate. 
L’uso"jihadista" di Telegram e di altre app sicure ha guadagnato slancionell’ultimo anno, per scopi quali comunicazioni, propaganda e reclutamento deinuovi martiri come il neo 18 enne Jake Bilardi, australiano, che si è fattosaltare per aria in un’azione suicida nella città di Ramadi (Iraq). 
Noto comeAbu Abdullah al Australi, era parte di un attacco multiplo che ha vistol’impiego di 21 veicoli-bomba affidati a jihadisti. 
L’ISIS si avvale del supporto di internet percondividere in rete i suoi materiali: Twitter, in primis, gioca un ruolofondamentale nella guerriglia mediatica e viene usato per diffondere i video erilanciarli in formato Preview.i cyber-mujaheddin grazie all’usostrategico degli hashtag attirano lentamente ma inesorabilmente l’attenzione dinuovi sodali. 
Non meno importante in questo ordito narrativo è l’uso deiNasheed,  canti ed inni di battaglia,inni al martirio, inni funebri ed infine inni di lode. 
Infatti, lo Stato Islamico nonpunta solo al reclutamento di nuovi soldati, ma anche alla creazione di unapolitica del terrore che comunichi efficacemente attraverso il marketingdell’apocalisse.


1
Create a website