blog
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo

facebook
twitter
youtube
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
03/06/2019, 12:55



Semplicità-e-buon-senso:-quello-che-manca-alla-Lega-B


 Questo è ciò a cui stiamo assistendo ormai da oltre un anno nell’ambito della organizzazione sportiva e giuridica della Lega di serie B e che vede coinvolto in varie modalità il Foggia Calcio.



Ieri è stata la festa della Repubblica Italiana natanel 1946, basata sulla Costituzione che è la legge fondamentale dello Statoossia l’insieme di norme che regolano il comportamento etico e sociale degliuomini.
Detta così la semplicità di comprensione sembra inequivocabile, rispettodelle regole di condotta altrimenti si incorre in una sanzione a seconda dellaviolazione commessa.
La semplicità ed il buon senso di quanto detto sembrainvece che nella nostra nazione stia perdendo di valore e peso e quello chedeve essere un comando, la norma giuridica, sia diventato un elemento dainterpretare a seconda dei casi, delle esigenze e degli interessi delle partiin causa.
Entrando nel merito, quanto suddetto è ciò a cui stiamo assistendo ormai da oltre un anno nell’ambito della organizzazionesportiva e giuridica della Lega di serie B e che vede coinvolto in variemodalità il Foggia Calcio. Nella razionalità e irrazionalità del tifoso diparte dotato di buon senso nasce non solo il dubbio per tutto quanto accadutoma anche la semplice domanda se falsificare negli ultimi tre anni consecutiviil bilancio di esercizio per diversi milioni di euro possa essere paragonato adaver utilizzato meno di mezzo milione di euro per pagare extra benefit aicalciatori nei campionati precedenti tre anni fa se un grave illecitoamministrativo riconosciuto possa essere sanzionato meno di una violazione nonriconosciuta della stessa gravità, ossia illecitamente amministrativa.
Ma non solo.
Se il buon senso ci porta a fare taliosservazioni ci spinge anche semplicemente a chiederci: su quale criterionormativo i signori che dirigono il mondo del pallone decidono di cambiare il formatdel campionato da un giorno all’altro la scorsa estate e di rideterminare loscorso maggio la classifica per effetto di un giudizio, da una parte in un modoe dall’altra in maniera diversa?
La risposta che semplicemente ci viene in soccorsoe che insinua ulteriormente il dubbio è che probabilmente la norma sia statamanipolata a fini personali, infatti appena il buon senso ritorna in campo e siesce dalle stanze del calcio si giunge a conclusioni che risultano logiche,chiare e semplici.
Per onestà intellettuale va detto anche che quantooggi sta accadendo non solleva da responsabilità nessuna società calcistica dilega B, perché se le cose vanno così è colpa di tutti, semplicemente perché,per esempio, nessuno ha fatto nulla per evitare il cambio in corso del format delcampionato la scorsa estate, violando probabilmente la stessa norma.
Questo non è stato il campionato degli italiani madel grande Papocchio, gentile avv.to Balata, i tifosi italiani sono staticalpestati dalle vostre scelte senza buon senso; loro hanno dato tutta la loropassione, hanno investito soldi per poter seguire in ogni modo la propriasquadra del cuore, voi avete insinuato semplicemente il dubbio di potercambiare le regole a vostro piacimento.
Oggi questa vicenda riguarda solo una parte dellesquadre che hanno partecipato al campionato, il Foggia in primis, ma nessunopuò sentirsi al riparo perché oggi ci siamo noi domani potrebbe essere semplicementeil vostro turno.


1
Create a website