L’avversario di turno: Giugliano Calcio 1928

In pieno mercato, con le società impegnate ad imbastire le operazioni utili a rimodellare le rose, nel caso del Foggia in questo momento si sta badando più alle uscite a dire il vero, bisogna fermarsi e pensare al campionato.

La prossima giornata vedrà il Foggia rendere visita al Giugliano, formazione attiva sul mercato, che ha da poco tesserato gli attaccanti Diop dal Picerno e l’ex foggiano Balde.

I campani guidati dall’ex difensore dell’Udinese, Valerio Bertotto, subentrato ad ottobre a Di Napoli, si trovano a 25 punti, come il Foggia, grazie 7 vittorie, 4 pareggi e 9 sconfitte, per un totale di 21 gol fatti e 25 subiti.

Partito con il freno a mano tirato, il Giugliano è riuscito a tirarsi fuori dalla zona playout ma lo score attuale, dopo le due vittorie contro Monopoli e Monterosi, ci dice che i tigrotti sono reduci da tre sconfitte consecutive contro Casertana, Cerignola e Sorrento.

Il Giugliano è una delle squadre più esperte del girone, potendo annoverare elementi come il portiere Russo, i difensori Caldore e Menna, i centrocampisti Gladestony, De Rosa, Vogiatzis (piacevole sorpresa, prelevato in estate dalla compagine greca del Rodos) e Berardocco, il trequartista Giorgione e gli attaccanti De Sena, Salvemini e Sorrentino, ai quali si sono aggiunti come detto, Diop e Balde.

Completano l’ossatura della squadra alcuni giovani come i difensori Berman e Yabre e gli esterni Ciuferri e Di Dio, arrivati a parametro zero rispettivamente dalla Roma e dal Bologna, che si stanno ben disimpegnando in un campionato molto impegnativo come quello della serie C.

Nell’ultima sconfitta rimediata a Sorrento, il Giugliano si è presentato in campo con un 4-3-3 che ha visto Russo tra i pali, Menna, Berman, Caldore e Yabre in difesa, Vogiatzis in cabina di regia con capitan De Rosa e Giorgione ai lati, in avanti i giovani Ciuferri e Di Dio esterni, con Salvemini punta centrale.

La partita è terminata 2 a 0 per i padroni di casa e ha visto il Giugliano concludere in dieci uomini per via dell’espulsione allo scadere di Salvemini, che quindi sarà assente per squalifica contro il Foggia.