blog
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Solologo

facebook
twitter
youtube
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
09/09/2019, 01:53



Tanti-auguri-


 



Un altro anno è trascorso, con attimi di gioia, momenti d riflessione, istanti di malinconia. Altri giorni si sono aggiunti alla mia età, solcato ulteriori rughe, alimentato ricordi. E’ vero, a piè pari "nell’anta", ma l’anta dell’armadio della mia esistenza è sempre aperta a nuovi incontri, a fresche sensazioni, ad amici ritrovati, a sentimenti dimenticati. A sogni mai sopiti, ideali mai abbandonati, valori mai scordati, tramonti ammirati con rinnovato stupore. Il film della mia avventura scorre chiaro sullo schermo dell’essenza delle mie intimità sensoriali. Dalle monellerie nel quartiere di fanciullesca memoria al Ginnasio, dai primi baci alla laurea in Piazza del Campo; dalle Dolomiti alla figlia, dalla cattedra all’Agenzia. Questi viaggi fisici ed emozionali hanno avuto come sfondo gli insegnamenti dei genitori, i consigli del nonno, gli esempi appresi dalla strada da bambino, lungo la strada percorsa nelle relazioni, sulla strada degli studi. Ogni incontro con libri, persone, delusioni, successi, ha scolpito nel cuore e nello spirito una sensazione sempre diversa, incessantemente nutriente. Non sono sicuro che, se tornassi indietro, rifarei tutto allo stesso modo; penso che se ripetessi ogni mia scelta non tutto mi riuscirebbe così bene. Come le mete raggiunte quando l’esito sembrava impossibile, gli errori commessi che non hanno alterato negativamente il mio cammino; come il sorriso di mia figlia che non potrebbe essere più smagliante, le rinunce fatte che avrebbero potuto comportare conseguenza peggiori. Allora, soffia forte sulle candeline, ma non spegnere il fuoco che caratterizza la vivacità del fanciullo che è in te, che allieta le tue giornate, conforta i tuoi sbagli, carezza le tue virtù. Lascia stare la ricerca della perfezione, del tutto in sano equilibrio, perché quello che sembra in ordine, in realtà è solo una vacillante stabilità. Non crucciarti se non sei stato all’altezza delle tue aspettative, se non hai raggiunto quello che ti eri prefissato. Cogli quello che hai conquistato perché costituisce un valido trampolino per proiettarti verso nuovi obiettivi sfidanti da realizzare l’anno prossimo. Se il Destino ha deciso per te, educatamente comunicagli che non sei d’accordo; fai sempre di testa tua, segui solo quello che ti detta il cuore, che può farti soffrire, ma difficilmente ti suggerisce soluzioni sbagliate. Se il Fato ti invia consigli, rispediscili al mittente; non ascoltare quello che un’altra persona, con un vissuto diverso e sentimenti differenti, ti propone. Perché i minuti essenziali della vita sono pochi e non puoi permetterti di vivere quelli importanti suggeriti da terze persone. Sfiora le labbra della donna che ti lascia alzare in volo, afferra l’occasione che ti modifica l’anima, carezza il sogno che ti disordina il quotidiano. Apri pure con gioia il pacchettino regalo che contiene il libro dei ricordi di quest’anno, composto da capitoli lieti e da paragrafi nostalgici, perché ogni pagina riassume baleni emozionali irripetibili. Tanti Auguri, amabile monello.


1
Create a website