Coletti: “Nei momenti difficili si deve tirare fuori l’orgoglio”

Tommaso Coletti parla subito del mercato in corso:

“Sono contento dei rinforzi. Si tratta di  ragazzi che hanno fame e saranno nuova linfa per la squadra. I nuovi arrivati sono  i profili che noi cercavamo e saranno tutti disponibili per la partita di domani, compreso Tascone per il quale attendiamo l’ufficialità. Per ulteriori arrivi stiamo valutando con la società. La priorità non è la difesa ma l’attacco dove abbiamo gli uomini contati. I giocatori che sono andati via forse non avevano più stimoli e voglia di lottare ed è giusto che abbiano preso un’altra strada.  Foggia non è una piazza per tutti, è molto impegnativa. Non tutti possono giocare a Foggia. Di fronte alle difficoltà si deve reagire”.

Il tecnico rossonero ha parlato della pesante sconfitta di Giugliano:

”Non è semplice giocare 80 minuti con un uomo in meno. Abbiamo fornito una buona prestazione con i primi 20 minuti davvero eccellenti. Non potevamo andare allo sbaraglio in 10 uomini e dovevamo gestire bene le forze. Pareggiando avremmo fatto un’impresa. Il risultato è bugiardo perché negli ultimi 10 minuti abbiamo annullato quanto di buono avevamo fatto. Si è iniziato però a vedere la nostra idea di calcio. Degli altri 60 minuti sono contento perché anche giocatori come Millico ed Embalo si sono sacrificati e hanno dato una mano in fase di copertura pur non avendo proprio caratteristiche difensive”.

Parlando del match di domani contro l’Avellino il mister del Foggia 

“È una squadra fortissima, costruita per vincere. L’Avellino è una corazzata, ha due squadre e mezza. Dipende dal modo con cui l’affronteremo la partita. Da calciatore io nei momenti difficili tiravo fuori tutto quello che avevo in corpo. Secondo me questa potrebbe essere la via giusta per affrontare questa gara. Ho chiesto ai giocatori di tirare fuori l’orgoglio che hanno, tutta la voglia di riscatto. Siamo obbligati a dare una risposta alla società e ai tifosi. Non possiamo sbagliare. Ce la possiamo giocare con tutti, anche con l’Avellino. Sarà una battaglia, non dobbiamo distrarci neanche sei secondi. Voglio in campo 20 leoni pronti a tutto. Daremo il 110 per cento. Questo è certo”.

Domani sera allo Zaccheria si prevede sarà una partita in cui varrà anche l’aspetto mentale e questo Coletti lo sottolinea:

” Voglio arrivare ai risultati nella maniera giusta e creare una mentalità forte trasmettendo ai giocatori un modo giuso di affrontare le partite. Se mi sento in discussione? No. Sapevo delle difficoltà che avrei trovato a Foggia ma sono convinto che col desiderio e la passione posso farcela. Io voglio il bene del Foggia. So di essermi assunto un grosso rischio. Ho chiesto ai calciatori disponibilità e l’ho avuta. Le scelte tecniche le faccio io. C’è la mia firma su ogni scelta”.

Coletti ha detto di essere contento del ritorno dei tifosi allo stadio.

“Sappiamo che il popolo rossonero è arrabbiato, ma con il nostro impegno e le prestazioni di carattere cercheremo di portarli dalla nostra parte”.